APE-ricolo

apeDalla metà del 2014 è obbligatorio affidare l’incarico di redigere un APE (Attestato di Prestazione Energetica)  non solo nel caso di compravendita di immobili, ma anche nel caso di affitto di edifici o singole unità immobiliari e per pubblicare annunci di vendita o affitto di unità immobiliari (per determinare l’indice di prestazione energetica).

Se avete la sfortuna di non conoscermi, o se decidete malauguratamente di affidare la redazione dell’APE ad un altro professionista :-), stata attenti ad alcune cose.

Innanzitutto diffidate da chi vi propone di redigere l’APE a prezzi irrisori senza effettuare un sopralluogo. Per calcolare quanto “consuma” la vostra casa bisogna misurare gli spessori delle pareti esterne e dei solai, controllare l’esposizione, i materiali di costruzioni utilizzati ecc. Cose che non si possono fare senza un sopralluogo.

In secondo luogo, tanti colleghi utilizzano per redigere l’APE un software gratuito, DOCET, che ha il piccolo particolare di non funzionare bene. La maggior parte delle volte escono fuori abitazioni di classe energetica “G” o “F”, anche su appartamenti recenti e di buona realizzazione.

Potrebbe anche non interessarvi, ma i consumi di un immobile stanno diventando e diventeranno sempre più importanti. Se io so che per scaldare e raffreddare la vostra casa dovrò spendere 1500 € l’anno, mentre un appartamento simile al vostro mi richiederà 500 €, provate ad indovinare quale immobile deciderò di acquistare. Perché allora svalutare la vostra abitazione facendola classificare in classe F o G solo per essersi affidati a professionisti che per risparmiare utilizzano software che non funzionano al meglio?

Quindi, per concludere, come in tutte le cose importanti, chi più spende meno spende…

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.